16.04.2014
Registrati alle settimane di gravidanza

Il Medico Risponde

Il Ginecologo risponde

a cura dei Dottori


Percezione battito

(08.04.2014 - 17:00)

Salve, sono alla 8+2, il battito cardiaco è stato rilevato alla 6+4, non so se sia una mia fissazione, ma fino a qualche giorno fa riuscivo a sentire un battito fortissimo mettendo la mano sotto la pancia e lo associavo al mio piccino. Com'è possibile che io non senta più nulla? Saluti e grazie!!!

Lettera non firmata

È impossibile a quest'epoca gestazionale. Quello che ha sentito era probabilmente il battito dei suoi grossi vasi, l'aorta e/o le arterie iliache. Forse avrà avuto un batticuore per qualche motivo e così ha avvertito i battiti. Magari ora è più serena e non li sente più. Se le capita di nuovo, verifichi la sincronia dei battiti con il suo polso e ne avrà conferma. Il battito del feto lo potrà sentire chi appoggerà l'orecchio alla sua pancia, ma almeno dal settimo mese in avanti. In questo momento l'embrione è minuscolo e ancora più piccolo è il suo cuoricino. Impossibile, anche volendo, sentirlo. Quel che sente quando fa l'ecografia è l'effetto Doppler, che ovviamente è sincrono con l'attività cardiaca dell'embrione, e viene amplificato per consentirci di sentirlo. Ma è un artifizio elettronico. Non è il suono del cuore. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Distacco sottocoriale grande

(08.04.2014 - 15:07)

Buongiorno, richiedo un consulto per togliermi qualche dubbio. Il giorno 25/03 corro in pronto soccorso con una forte emorragia a 11+2 settimane con diagnosi di distacco coriale di 33x19 mm (in eco vaginale) e mi rimandano a casa con terapia di buscopan 1+1 e progeffik 100 1+1. Qualche giorno dopo la mia ginecologa mi visita e mi dice che il distacco anche senza perdite è aumentato in 47x25 mm (in eco addominale) mi manda in ospedale con poche possibilità di un proseguo della gravidanza, al controllo ecografico vaginale in ps riscontra un distacco di 7x1 cm e mi ricoverano per 4 giorni in cui all'uscita (mai più una perdita motivo per il quale mi hanno dimessa) il distacco rimane invariato con terapia di progeffik 200 1+1 e arnica e buscopan al bisogno. Ora sono a casa da 5 giorni e sono a 13+2... Vorrei capire se il fatto di non avere perdite ematiche è di buon auspicio oppure no. E che probabilità ho di proseguire questa gravidanza con questi presupposti. Il distacco è grande. C'è qualcos'altro oltre ai farmaci e al riposo che possa favorire la cicatrizzazione di questo ematoma? Grazie infinite.

Lettera non firmata

La fuoriuscita di sangue in caso di distacco, dipende sia dalla posizione del distacco, che dall'evento stesso. Sicuramente, anche se non costituisce garanzia, un sanguinamento che si interrompe può essere interpretato, entro certi limiti, con ottimismo. Non esistono altri presidi terapeutici oltre alle cure mediche ed al riposo. Posso solo dirle che spesso anche ematomi grandi non impediscono la normale evoluzione della gravidanza e piano piano, vengono riassorbiti. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Ho scoperto di essere incinta. Cosa devo fare?

(07.04.2014 - 21:48)

Buonasera, mi chiamo Caterina. Ho appena fatto il test ed è risultato positivo. Premetto che non ho un ginecologo che mi tiene in cura e che ho la visita prenotata presso le usl il 9 maggio. Sarà troppo tardi? Come devo fare per fare un’ecografia prima di quella data? Non so a che settimana sto perché ho sempre avuto un ciclo irregolare e vorrei accertarmi che il risultato del test sia corretto. Spero possiate dare luce ai miei dubbi. Grazie mille

Caterina

Gentile Caterina,
a meno di problematiche (perdite, dolori, etc) le consiglio di effettuare l'ecografia fra la 6 e la 7 settimana e di eseguire anche una beta hCG plasmatica. Se vuole farla con le asl chieda al suo medico che la informerà a riguardo dei protocolli in vigore nella regione nella quale è residente. In caso contrario si rivolga ad un medico ecografista. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Sono ancora in tempo per avere una gravidanza?

(06.04.2014 - 18:40)

Salve dottore, sono la donna di 43 anni che già avevo inviato una domanda riguardo ai miei valori ormonali il giorno26/02/2014 e da lei risposta con una diagnosi un po' catastrofica. Mi sa dire a chi posso rivolgermi se ancora in tempo di avere una gravidanza e il da farsi di esami? Grazie in anticipo

Lettera non firmata

Gentile signora,
con gli esami riferiti FSH 34,7 e AMH 0,8, oltre all'età di 43 anni, come Le avevo già detto, c'è una forte evidenza alla difficoltà ovulatoria. Può tentare di rivolgersi ad un Centro per la Procreazione Medicalmente Assistita per valutare la possibilità di ovodonazione, ora per fortuna anche in Italia. Cordiali saluti.

Dott. Marcello Navazio
Ginecologo - Endocrinologo - Bologna

Respirare vernici in gravidanza

(06.04.2014 - 15:41)

Buongiorno dottori, premetto che sono alla fine del terzo mese. Un falegname sta sverniciando e riverniciando le imposte del condominio al piano terra ormai da un mese. E quasi tutti i giorni l'ascensore riporta l'odore di vernice piuttosto intenso. Oltretutto mi sono recata in un colorificio che aveva un forte odore di smalti vari. Tralasciando le volte che verniciano i fondali delle barche qui di fronte... Per quanto mi copro le vie aeree con una sciarpa e se riesco trattengo il respiro quando salgo in ascensore e passo vicino ai lavori. È un mese che respiro momentaneamente ma inevitabilmente questi odori e a questo punto sono davvero molto molto preoccupata. Anche perché sto facendo di tutto per evitargli tossine (mangio solo biologico e non uso detersivi in casa usando esclusivamente il vapore 120 gradi)... E poi mi continuano a capitare questi maledetti inconvenienti... Che rischi sto correndo per il nostro bambino?

Lettera non firmata

Buongiorno,
se non è a contatto con agenti chimici non corre rischi. Cordiali saluti

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

Ciclo e gravidanza

(05.04.2014 - 21:22)

Gentile dottoressa, ho 31 anni e vorrei avere un figlio. Ho smesso da gennaio la pillola che prendevo da 5 anni, ora ho avuto 2 cicli distanziati di 35 giorni, lo scorso mese dagli stick ho avuto l'ovulazione al 26 giorno e ora questo mese ancora non viene segnalata l'ovulazione. È normale avere tutti questi problemi dopo avere smesso la pillola? Inoltre, dal 14 giorno dopo il ciclo comincio ad aver del muco che dura almeno 2 settimane, non ovulando però dagli stick... che devo fare? Grazie

Lettera non firmata

Buongiorno,
le consiglio di aspettare ancora qualche mese controllando la frequenza del ciclo mestruale, e qualora ci fossero ancora irregolarità, fare un controllo ginecologico. Cordiali saluti

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

Nausea... i braccialetti che vendono in farmacia sono consigliabili?

(05.04.2014 - 11:39)

Buongiorno, ho 37 anni sono all'undicesima settimana di gravidanza del mio primo bambino. Sto soffrendo terribilmente di nausea: perennemente costante 24 ore su 24! Il mio medico mi ha prescritto Nausolvit ma l'effetto è pressoché nullo. Spesso mangio limoni, poiché anche se per poco, mi da un po' di sollievo, mi faranno male? Premetto che ho la Ferritina a 4. I braccialetti che si vendono in farmacia, sono consigliabili? Gradirei ricevere un suo prezioso consiglio. Grazie

Antonella

Gentile Antonella,
i braccialetti per il mal di mare sono un utile tentativo. Può anche provare a utilizzare altri prodotti (ve ne sono diversi) fino a trovare quello che le dà sollievo. Per i limoni, se le danno sollievo, perchè no, basta che non aggiunga troppo zucchero. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Test Coombs positivo prima dell'immunoprofilassi

(04.04.2014 - 17:00)

Ho avuto un aborto il 28/12/13 alla 26/27 settimana con Coombs positivo 1 a 16478 (io sono gruppo B rh negativo mio marito gruppo A rh positivo). Visto che i Coombs eseguiti in gravidanza (l'ultimo il 22/11/2013) erano tutti negativi ma eseguiti presso lo stesso laboratorio di analisi, la mia ginecologa ha ipotizzato che fossero sbagliati. Mi ha quindi richiesto la cartella clinica della mia prima gravidanza (mia figlia è nata il 17/01/04). Dalla cartella clinica si evince che il giorno 18/01/2004 ero positiva al test di Coombs e che l'immunoprofilassi mi è stata fatta il giorno successivo cioè il 19/01/2004. La mia ginecologa sostiene che sia questa la causa del mio aborto, cioè il fatto che io fossi positiva al test di Coombs subito dopo il parto significa che c'è stato scambio di sangue tra me e la mia bimba prima del parto, senza che io fossi sottoposta ad immunoprofilassi, lei sostiene anche che avrò questo problema per ogni gravidanza futura con feto rh positivo. Lei conferma questa diagnosi? Spero di essere stata esaustiva. Grazie in anticipo saluti

Lettera non firmata

Ci sono varie spiegazioni, quella proposta è una delle possibili fra le altre. Non ho elementi pratici per potere valutare concretamente in base alle notizie che mi fornisce. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Amniocentesi

(04.04.2014 - 09:15)

Gentile dottore, ho 40 anni, una bambina di 5 anni avuta con gravidanza ottima e parto naturale. Feci l'amniocentesi per valori positivi del tritest. Negli ultimi due anni ho avuto due aborti spontanei entro la 10 settimana. Ora sono alla 15 settimana di gravidanza. Ho eseguito il test combinato: translucenza+bitest+età. I risultati per trisomia 21: 1/ 1355, tr. 18: 1/3342, tr. 13: 1/ 10475. Vivo in Svizzera, ho effettuato il prenatest e sono in attesa dei risultati. La mia ginecologa dice che con i risultati del test combinato non avrebbe nemmeno consigliato il prenatest, ed ovviamente non consiglia l'amniocentesi. In Italia so bene che invece l'amniocentesi è consigliata e gratuita dopo i 35 anni e molte mie amiche l'hanno fatta. Vorrei sapere il suo parare in merito. Grazie

Lettera non firmata

Suggerire l'amniocentesi a tutte le donne ultratrentacinquenni è un concetto superato, anche in Italia. Si sa che le norme e i decreti tardano sempre ad arrivare e quindi è ancora concessa gratis dal SSN (e poi dicono che vogliono risparmiare). Lo screening, eseguito a regola d'arte, è oramai molto sensibile e consente proprio di evitare le tante amniocentesi inutili che venivano fatte solo sul criterio dell'età. Quindi sono d'accordo con la sua ginecologa. L'importante è che abbia ben compreso che si tratta comunque di uno screening e non di un test diagnostico, e questo vale in ogni caso sia prima che dopo i 35 anni. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Il ciclo mi si è bloccato e sono due mesi che non mi viene...

(04.04.2014 - 02:20)

Buonasera, volevo avere delle informazioni su una cosa che mi sta succedendo. Il ciclo mi si è bloccato e sono due mesi che non mi viene... facciamo un passo indietro. Ho preso la pillola per circa tre anni e l'ho interrotta di punto in bianco ad agosto scorso... ma il ciclo si è bloccato per 2 mesi e mezzo. Sono andata dalla dottoressa beh mi ha detto che si trattava di amenorrea e mi ha dato delle pasticche da prendere una volta al giorno per dieci giorni. Il ciclo è tornato fino a gennaio e mi si è ribloccato... la cosa che mi fa pensare è che avevo dei leggeri fastidi al basso ventre come se si stesse preparando per arrivare, in più, circa un mese fa ho notato una piccola macchiolina marrone... ed ero convinta che stesse arrivando... e invece niente. Niente perdite e niente dolori... ho fatto anche tre test di gravidanza a distanza di tempo l'uno dall'altro... tutti e tre negativi. Cosa mi sta succedendo? Aiutatemi!

Lettera non firmata

Gentile signora,
l'assenza di ciclo dopo la sospensione della pillola può avvenire in soggetti particolarmente sensibili alla soppressione ipofisaria (se in passato normomestruanti) o al ripristino di un ritmo irregolare, se tale era prima di usare il contraccettivo, con relativa difficoltà ad ovulare correttamente. Il tentativo effettuato col progestinico (le pillole per dieci giorni) ha provocato solo una pseudomestruazione, ma non può rimettere in moto il processo ovulatorio (per il quale si usano induttori specifici). Se non è, comunque, in cerca di gravidanza, le consiglio di tornare a gestire sia la fertilità che il ritmo mestruale con una pillola a basso dosaggio. Cordiali saluti.

Dott. Marcello Navazio
Ginecologo - Endocrinologo - Bologna

Bi-test?

(03.04.2014 - 17:03)

Buonasera dottore, sono Daniela, ho 30 anni e sono alla mia prima gravidanza, in questo momento alla 10+2. Vorrei sapere se oltre alla 1° ecografia fissata per la 12^ settimana e la visita ostetrica che farò tra qualche giorno tramite strutture pubbliche, mi consiglia di prenotare anche il Bi-test... o sarà direttamente il medico che mi visiterà la prossima settimana eventualmente a suggerirmelo? Grazie mille per la sua risposta.

Daniela

Gentile Daniela,
gli esami di screening e gli esami invasivi per escludere le anomalie cromosomiche si sceglie di farli, una volta comprese le caratteristiche, i vantaggi, i limiti e i rischi. Quindi possiamo informarla, ma non consigliare o sconsigliare. L'informazione che è possibile darle è che lo screening solo ecografico della translucenza nucale ha una sensibilità del 70%, mentre se a questo si associa anche il bitest biochimico, la sensibilità sale fino al 90%, il che a mio avviso è un bel salto. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Discrepanza tra l'età gestazionale e l'età ultrasonografica

(03.04.2014 - 15:26)

Salve, cortesemente le vorrei chiedere due informazioni: 1) Se tra l'età gestazionale e l'età ultrasonografica c'è una discrepanza di più 7 giorni, la gravidanza viene ridatata in base all'età ultrasonografica? 2) L'età ultrasonografica o misura fetale, è calcolata a partire dal primo giorno dell'ultimo ciclo mestruale? La Ringrazio della Gent.le Attenzione, Cordiali Saluti.

Lettera non firmata

Il margine di errore mediante biometria nelle prime settimane di gravidanza (es. 6-7) è di circa due giorni, anche meno. Quindi estremamente affidabile. L’epoca ecografica è quella reale e si basa sulle misure. Quella “teorica” o anamnestica, si basa sul conteggio dal primo giorno della ultima mestruazione. Se le due epoche differiscono per un valore uguale o superiore ai 14 giorni, si ridata la gravidanza. Nulla vieta però di ridatare per qualsiasi valore. Ad ogni modo ogni differenza, se non si ridata la gravidanza, dovrebbe essere appuntata ed evidenziata nella risposta, onde evitare errori futuri. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Visite ginecologiche al nono mese di gravidanza

(03.04.2014 - 12:54)

Sono alla 36+2, l'ultima visita dal ginecologo l'ho fatta alla 35+4. Il ginecologo mi ha prescritto le analisi da fare e dato l'appuntamento alla 39 settimana. È normale vedersi così poco nell'ultimo mese? Sapevo di dover fare dei monitoraggi in ospedale, ma non mi è stato detto nulla... sono molto perplessa. Grazie per l'attenzione

Lettera non firmata

Se la gravidanza è fisiologica e non vi sono fattori di rischio riscontrati nei controlli precedenti, non c'è nessun motivo per fare visite più frequenti. Il monitoraggio elettronico del battito fetale, la cardiotocografia, è indicata dopo il termine dei conti. Si fa prima se ci sono fattori di rischio. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Lembo placentare inferiore allo OUI (a 17 settimane)

(02.04.2014 - 15:55)

Buonasera. Sono una donna di quasi 40 anni alla sua 6° gravidanza (4 parti spontanei e 1 aborto interno, ultima gravidanza gemellare con morte di un gemello). Sono preoccupata perchè nel referto del ginecologo c'è scritto che la mia placenta risulta bassa e che il lembo placentare risulta inferiore allo OUI (17 settimane + 2 giorni di gestazione) e cervicometria a 40 mm. Avrei bisogno di delucidazioni al riguardo e se esiste una remota possibilità che la placenta possa risalire nel corso della gravidanza o nel peggiore dei casi che diventi previa. Grazie per la sua cortese risposta.

Lettera non firmata

In genere le placente risalgono. Se la placenta è in ogni caso inserita bene e raggiunge OUI alla 17 settimana, quasi sicuramente non causerà problemi. Diverso il caso di una placenta realmente inserita bassa. Non mi fornisce elementi per potere fornire una risposta dettagliata. Ad ogni modo non credo sia il caso di preoccuparsi. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Contrazioni al quinto mese di gravidanza!

(02.04.2014 - 15:04)

Buongiorno, sono alla 20a settimana di gravidanza e da qualche giorno ho iniziato ad avere delle contrazioni (indurimenti della pancia che durano pochi secondi); il mio ginecologo all'ultima visita, 2 settimane fa, mi ha detto che avrebbe potuto succedere e mi ha prescritto, nel caso, la Vasosuprina. Abbiamo poi scoperto che non è più in commercio, quindi mi ha scritto lo Spasmex, che però non trovo molto efficacie. Due giorni fa ne ho avute una 15a in un giorno, di cui anche 2 in un'ora. Ora va meglio ma a volte sento l'addome non totalmente rilassato, come se avessi un peso al fondo della pancia, soprattutto se sto tanto in piedi. Vorrei capire se è normale avere così tante contrazioni o se è meglio fare altri controlli; il mio ginecologo è via ma in tal caso mi recherei al pronto soccorso. Vorrei sapere anche se esiste altro oltre lo Spasmex (ovviamente chiederei al mio medico prima dell'assunzione). Aggiungo che gli Esami del sangue e delle urine completi sono perfetti e che non ho avuto altri problemi durante questa gravidanza. Grazie per i consigli che mi potrà dare.

Elisabetta

Gentile Elisabetta,
se continua ad avere attività contrattile deve recarsi al pronto soccorso più vicino e le daranno una terapia adeguata o dovrà essere ospedalizzata. Cordiali saluti

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

È possibile essere incinta e continuare ad avere il ciclo mestruale?

(01.04.2014 - 20:17)

Io e mio marito abbiamo provato ad avere un bambino durante le vacanze di Natale. Il ciclo è ritornato con una settimana di anticipo il 5gennaio e molto molto scarso. È ritornato il 31gennaio più abbondante rispetto al precedente. È tornato il 26febbraio uguale a quello del 31 gennaio. Avrebbe dovuto tornare il 24marzo e invece ha tardato di 5giorni è tornato il 28. Fin qui tutto normale se non fosse che ho sempre avuto cicli molto abbondanti e molto lunghi e questa volta ho avuto un ciclo molto anomalo. Il primo giorno qualche perdita il secondo giorno normale e poi pochissimo. Da una decina di anni non ho avuto più la "classica" sindrome premestruale da tre mesi a questa parte nausea e stanchezza. Da circa tre giorni avverto dei strani movimenti nella pancia soprattutto quando sto seduta, ,dei calcetti nel basso ventre. Anche i cicli precedenti non sono stati abbondanti ma normali tendenti allo scarso. Ho già avuto tre figli e non mi sembrano arie nella pancia. È possibile essere incinte e continuare ad avere il ciclo? Questo è la domanda che continuo a farmi... è come un presentimento. Non mai fatto un test perché con il ciclo ho messo da parte l'ipotesi che potessi essere incinta. Ma ora riflettendo mi domando se sia possibile. La ringrazio anticipatamente per la sua risposta.

Lettera non firmata

Gentile Signora,
è molto improbabile che sia incinta pur mestruando in quantità abbondante e irregolare come ritmo; è molto più probabile che abbia difficoltà ad ovulare correttamente per poter concepire. Le consiglio di eseguire accertamenti ginecologici sia ecografici che ormonali per valutare meglio la sua situazione di base e, solo successivamente, ipotizzare eventuali trattamenti per rimanere nuovamente incinta. Cordiali saluti.

Dott. Marcello Navazio
Ginecologo - Endocrinologo - Bologna

Peluria eccessiva

(01.04.2014 - 01:03)

Buonasera, piacere di conoscerla. Mi chiamo Iole, innanzitutto complimenti per il vostro lavoro, ammiro molto quello che fate, siete Angeli perchè aiutate molte persone. Allora io avrei un problema: ho una peluria eccessiva, i peli alcuni sono neri e altri "trasparenti" e sono concentrati sul mento, sul labbro superiore, ne ho per fortuna pochi sulla pancia, sulle guancie e sui zigomi non ho la "barba", sono tutti corti, ma mi danno fastidio (ho il ciclo irregolare). Questo problema è ereditario ed ho paura di avere l'ovaio policistico, ma non posso rivolgermi ad un ginecologo perchè ho perso la verginità ed ho paura che il medico può dirlo a mia madre e i miei genitori sono antichi, visto che sono minorenne (sono di Napoli, ho paura di dire una stupidaggine, ma non esistono studi dove posso andarci da sola dal ginecologo??). Scusatemi se vi ho annoiato, attendo una vostra risposta. A risentirla

Iole

Gentile Iole,
premesso che esistono strutture consultoriali dedicate agli adolescenti (spazi Giovani dei Consultori Familiari, ormai diffusi su tutto il territorio nazionale) e che non è vietato l'accesso di una minorenne da sola presso un ginecologo libero professionista (con relativo obbligo al rispetto del segreto professionale), la sua situazione merita attenzione non solo per gli aspetti disestetici che un iperandrogenismo può comportare, ma anche per le ripercussioni sulla fertilità futura che un ovaio micropolicistico può realizzare se non adeguatamente diagnosticato e trattato. Il consiglio è quindi di non temporeggiare ancora inutilmente e accedere ad un consulto ginecologico che valuti la situazione generale, oltre a stabilire un valido metodo contraccettivo da utilizzare finché non deve correre il rischio di rimanere incinta. Cordiali saluti.

Dott. Marcello Navazio
Ginecologo - Endocrinologo - Bologna

Gravidanza a rischio?

(30.03.2014 - 14:35)

Buongiorno, 3 giorni fa ho fatto il test do gravidanza e ho scoperto di essere incinta. Il primo giorno delle ultime mestruazioni è il 18/02 quindi se ho fatto giusto i calcoli dovrei essere alla sesta settimana. la cosa che mi assilla e mi spaventa è che non sapevo di essere incinta, quindi non ho evitato di fare alcune cose. Cioè ho mangiato insaccati, ho alzato il gomito per un paio di fine settimana, un giorno ho assunto un farmaco per il mal di testa (sinflex), dal dentista ho fatto due lastre e ho continuato ad assumere gomme di nicotina ogni giorno. La mia domanda è questa: posso aver creato qualche danno al bambino? Ci sono delle analisi specifiche che posso fare per verificarlo? Grazie mille.

Annamaria

Purtroppo no. Può fare tutti i controlli previsti, parlandone col suo ginecologo e sottoponendosi poi ad un'ecografia strutturale di secondo livello e cioè non quella del normale screening che si offre a tutte le gravide. Di tutte i fattori che ha elencato, quello più rilevante è costituito dalle due radiografie, anche se l'esposizione è molto modesta. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Ecografia transvaginale rifiutata!?!?

(28.03.2014 - 17:04)

Salve, ho 20 anni e mi chiamo Jessica... ben quasi 14 mesi fa ho partorito tramite taglio cesareo e dopo le classiche visite di controllo andate tutte bene. Ora, a distanza di poco più di un anno vorrei fare una ecografia all’utero per vedere se è tutto ok e come procede... Ma il mio medico di base si rifiuta di farmi l’impegnativa... -,- perchè secondo lei non ha senso fare eco transvaginali se non ci sono problemi seri... Ora io mi chiedo: primo io non credo che un medico si possa rifiutare di prescrivermi una visita... secondo se io per sicurezza voglio fare un controllo accurato al MIO UTERO non vedo perche non posso farla!!! Sono un po’ incavolata perche non so il motivo per la quale non voglia prescrivermi sta maledetta impegnativa! Secondo lei ho torto??? Grazie in anticipo

Jessica

Gentile Jessica,
posso solo dirle che l'ecografia transvaginale è un presidio insostituibile per identificare una innumerevole quantità di condizioni patologiche non necessariamente gravi, invisibili spesso dalla ecografia sovrapubica. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Risonanza magnetica e pericolo per il feto

(28.03.2014 - 12:36)

Buongiorno, ho un quesito da porre. Ho avuto le ultime mestruazioni in data 10/02, il 23/02 ho avuto un unico rapporto e oggi sono incinta. La mia paura è la seguente: il 28/02, a 5 giorni dal rapporto e quindi probabilmente a concepimento avvenuto, ho accompagnato mia mamma a fare una risonanza magnetica, e sono rimasta nella stanza con lei perchè era terrorizzata. Chiaramente non potevo sapere di essere incinta. Ora leggo del pericolo corso. Cosa posso aver rischiato esattamente per il bambino? Grazie tante.

Stefania

Non esistono prove di evidenza di danni alla gravidanza da risonanza magnetica, ma le norme prevedono di evitare l'esposizione nel primo trimestre di gravidanza. In ogni caso in un'esposizione così precoce, al pari dei raggi X, di cui invece vi sono prove dei danni, il danno o è totale o è nullo. Quindi può star tranquilla. Faccia i normali controlli e se la gravidanza è in evoluzione non ha da temere nulla da questo episodio. Cordiali saluti

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Gravidanza prima dell’esito della biopsia?

(27.03.2014 - 14:07)

Buongiorno. Chiedo scusa per il disturbo e cerco di non dilungarmi troppo. Ho effettuato ieri una Colposcopia con biopsia. Mi è stato detto che l'esito sarà pronto tra tre settimane ma di stare tranquilla che secondo la ginecologa che ha eseguito l'esame non ci dovrebbe essere niente di preoccupante. La mia domanda è: è possibile che la dottoressa sia riuscita già a vedere per esprimersi in questo modo? E la domanda più importante è: vorrei provare a rimanere incinta, posso già iniziare a provare o devo aspettare l'esito??? Grazie infinitamente in anticipo! Cordiali saluti

Lettera non firmata

La colposcopia che ogni donna dovrebbe eseguire al posto della semplice esplorazione visiva vaginale e del collo uterino, consente di evidenziare delle zone anomale ed eventualmente di mirare una biopsia. Un occhio esperto può farsi un'idea della patologia sottostante ed avere un indirizzo probabilistico sulla importanza intrinseca delle lesioni stesse. Il rilievo istologico ovviamente fornisce una garanzia in più e quasi la certezza. Personalmente aspetterei il risultato della biopsia. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Si può evitare il cesareo dopo un altro cesareo?

(27.03.2014 - 11:45)

Buongiorno, ho partorito il mio primo bimbo con taglio cesareo d'urgenza ai primi di ottobre 2013. Ora sono nuovamente incinta con data presunta del parto a novembre quindi a tredici mesi dal primo. Non volevo il cesareo a ottobre e non lo voglio ora... si può tentare un parto naturale visto che già a dicembre la mia cicatrice era ben chiusa a detta della ginecologa? Purtroppo ho dovuto cambiare ginecologa e quella attuale non sembra mi ascolti troppo così come per l'amniocentesi, ho 35 anni e non vuole che la faccia anche se già con il primo bimbo è servita... grazie

Lettera non firmata

Un parto spontaneo dopo taglio cesareo è possibile. In sostanza in determinate condizioni si può offrire il cosiddetto travaglio di prova. Cioè la struttura e gli operatori devono essere nelle condizioni di poterlo fare. Solo che avrebbe fatto meglio a far passare più tempo, e questo vale anche per i parti spontanei. In che senso è servita l'amniocentesi al primo bimbo? Ha rivelato qualche patologia? In ogni caso l'amniocentesi si sceglie di farla. Noi operatori possiamo informarla su tutte le possibilità di screening, prevenzione e diagnosi, sui vantaggi e svantaggi e i rischi degli esami invasivi, ma non possiamo scegliere al suo posto. Quindi se intende farla, a 35 anni nessuno potrà negargliela. Sarebbe più utile far precedere lo screening, ma anche questo dovrebbe sceglierlo consapevolmente. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Misure feto 28 settimana

(27.03.2014 - 10:25)

Buonasera, oggi ho effettuato l'ecografia di controllo sono a 28 settimane (data ultima mestruazione 10/09/2013) e mi sembra che il mio piccolo cresca piccolo sia nelle misure del cranio ma specie per la circonferenza addominale... dalle tabelle risulta nei percentuali più bassi. Ecco le misure riportate sul referto: DBP: 72.8mm, CC: 272 mm, CA: 217 mm, LF: 55.5 mm, DOF: 91.8 mm, Peso stimato: 1100gr. Il ginecologo mi ha detto di stare a riposo e di assumere proteine. Nelle precedenti ecografie queste misure erano sempre perfette. Secondo voi può trattarsi di ritardo di crescita? Il fatto che il bimbo abbia la testina e la pancia più piccoli cosa può indicare?? Dovrei fare altri accertamenti o posso stare tranquilla? Ringrazio anticipatamente della cortese risposta.

Lettera non firmata

Dalle misure riportate mi risulta solo l'addome ai percentili bassi, il che può far pensare ad un difetto di accrescimento asimmetrico. Tuttavia questa valutazione deve essere fatta dall'ecografista che esegue l'esame, che può essere certo della datazione della gravidanza e soprattutto ha la possibilità di esaminare la paziente in prima persona. Occorre poi valutare clinicamente la gravidanza, la sua alimentazione, l'eventuale abitudine del fumo, le analisi, la flussimetria e quant'altro. Quindi capirà che il da farsi è del tutto specialistico ed è difficile da suggerire a distanza da parte nostra. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Cerchiamo un figlio

(27.03.2014 - 00:12)

Salve dott.sa Giovanna Marforio, sono la ragazza che aveva inviato giorno 13/03/2014 un parere e che lei gentilmente mi ha risposto dicendomi di fare il controllo della prolattina e degli esami ormonali. Ora le scrivo i risultati: progesterone al 21°: 15.77; estradiolo al 5°giorno: 40; FSH al 5°: 5.6; LH al 5°: 7.7; e la prolattina 0'20'40': 13.35, 11.9, 12,5. Vorrei sapere secondo lei come sono i risultati, la mia ginecologa mi ha detto che di norma LH deve essere + basso del FSH, mi ha detto di monitorare l'ovulazione con gli stick per 3 mesi e poi se gli stick sono sempre negativi mi farà fare una cura ormonale. Secondo lei questi stick funzionano? Anche perchè io ho un ovaio policistico. Io non voglio perdere del tempo perchè desideriamo un altro figlio. Vorrei un suo consiglio, la ringrazio tanto.

Lettera non firmata

Buongiorno,
gli esami ormonali risultano nella norma e non confermano la diagnosi di ovaio poli cistico. Anche il dosaggio del progesterone indica che ha avuto un ciclo ovulatorio. Può utilizzare gli stick oppure dosare il progesterone plasmatico sempre in fase premestruale per monitorare l'ovulazione. Auguri

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

Si può usare gyno-canesten sulla pelle per alleviare il prurito?

(26.03.2014 - 21:04)

Buongiorno, mi chiamo Gala e sono alla 34 sett. di una gravidanza gemellare. Due settimane fa mi hanno diagnosticato la colestasi che provoca tra l'altro un forte prurito incontrollabile. Non ci sono rimedi fino alla nascita, e dopo vari tentativi di alleviare il prurito ho constatato che spalmando un po’ di gyno-canesten nelle zone interessate mi aiuta molto. Vi chiedo cortesemente: è pericoloso per i bambini? Grazie

Gala

Il gynocanesten svolge azione antipruriginosa solo quando il prurito è causato da infezioni fungine. Nel suo caso la causa è altra. Anche se un uso saltuario non comporta problemi, un uso continuato potrebbe anche condurre a sensibilizzazioni cutanee. Le consiglio di farsi consigliare qualche presidio terapeutico maggiormente adeguato. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Gravidanza dopo un aborto ritenuto

(26.03.2014 - 18:48)

Salve, mi chiamo Dodo, chiedo a voi dottori questa gentilezza.. scusatemi ma ho chiesto informazioni ma non ho avuto nessuna risposta su una possibile gravidanza immediata dopo un aborto ritenuto avuto a 8 settimane. Le spiego: ultima mestruazione 6 gennaio. Il 6 febbraio non ho avuto il ciclo ho fatto il test positivo, la beta andava benissimo... al 5 marzo interruzione di gravidanza in ospedale. Ho chiesto se potevo avere altre gravidanze... mi ha risposto che dovevo assumere acido folico e riprovare la sera stessa anche se avevo perdite, la normale vita sessuale. Oggi chiedo a voi: i miei rapporti dal giorno 5 sono avvenuti senza protezione, ora devo aspettare quanto tempo per sapere se sono in gravidanza? Le mestruazioni quando mi dovrebbero arrivare se ho avuto l'interruzione il giorno 5 marzo? La prego, mi risponda. Premetto, è il primo aborto, ho avuto 2 cesarei, una gravidanza il 2001 e la seconda gemellare nel 2005 senza problemi. Mi scusi del disturbo, ma non posso permettermi un ginecologo privato e quindi non ho indicazioni per la prossima mestruazione. Grazie in anticipo e buon lavoro.

Dodo

In genere suggeriamo di aspettare qualche mese prima di riprovare per una nuova gravidanza dopo un aborto. Se rimane incinta potrebbe non avere proprio la mestruazione dopo l'aborto. Se non c'è gravidanza, la mestruazione in genere torna nel giro di 30-40 giorni. Ma questo non è un problema: può benissimo attendere con calma che arrivi e, anche se dovesse tardare, non c'è nulla di patologico. Per sapere se è gravida deve fare un test almeno 15-20 giorni dopo il rapporto presunto all'origine del concepimento. Non si rammarichi di non potersi permettere un ginecologo privato. In Italia ci sono consultori e ambulatori pubblici per tutti. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Lembo placentare inferiore allo OUI (a 17 settimane)

(26.03.2014 - 17:20)

Buonasera. Sono una donna di quasi 40 anni alla sua 6° gravidanza (4 parti spontanei e 1 aborto interno, ultima gravidanza gemellare con morte di un gemello). Sono preoccupata perchè nel referto del ginecologo c'è scritto che la mia placenta risulta centrale e bassa e che il lembo placentare risulta inferiore allo OUI. Avrei bisogno di delucidazioni al riguardo e se esiste una remota possibilità che la placenta possa risalire nel corso della gravidanza o nel peggiore dei casi che diventi previa. Grazie per la sua cortese risposta.

Lettera non firmata

Non mi specifica la sua epoca gestazionale, elemento fondamentale per esprimere un giudizio. In linea di massima, la placenta tende a risalire nel corso della gravidanza. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Come comportarsi dopo un’amniocentesi?

(26.03.2014 - 16:57)

Buongiorno, sono nuova del forum... ho 37 anni e sono alla fine del 3° mese di gravidanza. Tra meno di una settimana mi sottoporrò all'amniocentesi. Ci è stata consigliata dal ginecologo dopo averci illustrato tutta la casistica ecc... io e mio marito abbiamo deciso di fare l'esame. Io sono un po' ansiosa e preoccupata dei rischi che eventualmente ci possono essere... penso sia una cosa normale. Volevo chiedere alcune cose: io farò l'amnio all'ospedale di Magenta (Mi), al ritorno tornerò a casa in auto con mio marito, in auto bisogna andare piano piano? Per arrivare al mio appartamento devo fare obbligatoriamente 2 rampe di scale, è rischioso? Il riposo che dovrò osservare, mi hanno detto almeno 48 ore letto, ma a letto devo stare immobile? Il terzo giorno posso alzarmi ma non fare assolutamente nulla? Attendo fiduciosa una vostra risposta, grazie.

Lettera non firmata

Ci sono persone che, dopo una amnio, il giorno dopo vanno regolarmente al lavoro. Con questo non voglio assolutamente dire che non debba osservare le precauzioni del caso che prevedono, almeno nella giornata del prelievo assenza di stress, riposo. Ritengo eccessivo allettarsi per due giorni e ovviamente ancora di più senza neppure alzarsi. È sufficiente evitare lavori pesanti e stress fisici. Il viaggio post prelievo, dopo le due ore di osservazione in loco prevista dai centri, non comporta problemi particolari se effettuato in pieno confort e neppure salire le scale. Ovviamente si comporti nella maniera che le restituisce maggiore serenità. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Ecografista - Matera

Da 17 mesi cerchiamo un bimbo!

(26.03.2014 - 16:36)

Salve, ho quasi 29 anni e da 17 mesi con mio marito cerchiamo un bimbo, cioè dallo scorso ottobre che proviamo, ma vedendo che la cicogna non arrivava dopo 5 mesi, cioè a marzo dell'anno scorso, sono andata da un ginecologa per una visita, e spiegando che avevo macchioline ogni qual volta mi finiva il ciclo (dopo circa 5giorni) mi ha prescritto Danatrol 200 2 volte al giorno per 3 mesi, perchè ha riscontrato che avevo l'endometrio ispessito. Dopo 3 mesi sono ritornata ed era tornato tutto al suo posto, ma cercando ancora un bambino e non arriva dopo 4 mesi ritorno a visita dalla ginecologa e mi dice che tutto va bene, per sicurezza faccio il tampone vaginale e risulto positiva all'ureaplasma. Facciamo 10giorni di antibiotico sia io che mio marito ERITOMICINA1000 in bustine al 3 giorno di cura non sopporto il tipo di cura e me lo sostituisce con CIPROXIN, finita la cura ritorno a gennaio di nuovo positiva all'ureaplasma altri 10 giorni di MACLADIN, a febbraio ritorno e finalmente l'ureaplasma è negativo, abbiamo di nuovo provato ma il 12 marzo mi è arrivato di nuovo il ciclo, perchè non arriva la cicogna? Oggi ho un bruciore al nervo sciatico, all'ovaio sinistro e inguine, è possibile che ci sia l'ovulazione? Aspetto una vostra risposta, grazie per l'attenzione. Cordiali Saluti.

Lettera non firmata

La visita ginecologica e i tamponi sono già un buon inizio. Tuttavia dopo il tempo trascorso bisogna ammettere l'esistenza di un problema e quindi la coppia va valutata nel suo insieme e occorre seguire un iter specifico per la diagnosi e cura della sterilità non trascurando suo marito. Quindi ne parli con la sua ginecologa e stabilisca con lei come affrontare il problema con lei o con un centro per la cura della sterilità di coppia. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Sintomi del ciclo in arrivo?

(26.03.2014 - 13:46)

Buongiorno dottoressa, voglio porle una domanda premetto che l’ultimo ciclo l’ho avuto il 24 febbraio, ho un ciclo regolare di 28, 29 giorni, arrivati ad oggi niente ciclo visto che lo aspettavo per il 23 marzo, ho fatto il test dopo due giorni di ritardo risulta negativo, ho comunque il seno che mi fa male e qualche dolorino al basso ventre! Devo preoccuparmi o sono sintomi che sono in arrivo le rosse? La ringrazio in anticipo

Raffaella

Gentile Raffaella,
ripeta il test di gravidanza dopo una settimana e se negativo le consiglio un'ecografia di controllo. Cordiali saluti

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani